Come Fare le Beach Waves con la Piastra ad Onde

Scopri il risparmio su Amazon.it Scopri l'andamento del prezzo e del risparmio grazie a Capybara.it La recensione del Capybara

L’inverno volge ormai al termine e non vediamo l’ora che arrivi la primavera per sfoggiare look leggeri e svolazzanti ricchi di colori pastello e stampe fiorate! Nell’attesa di gite fuori porta e tranquille passeggiate in riva al mare ci siamo consolati testando una delle acconciature estive per eccellenza: le Beach Waves!

In voga ormai da qualche stagione, questa particolare acconciatura consiste nel ricreare con una speciale piastra per capelli le onde morbide, naturali, e un po’ selvagge, che si formano sui nostri capelli quando andiamo al mare complici la salsedine e l’acqua marina.

L’effetto finale è quello di onde molto morbide e piuttosto larghe che danno volume ai capelli e un aspetto piuttosto sbarazzino.

Per fare questo tipo di onde è fondamentale utilizzare una specifica piastra per capelli: la piastra ad onde. Questa piastra, o triferro, infatti è formata da 3 ferri cilindrici che incastrandosi tra loro consentono  di imprimere alle ciocche un movimento ondulato. Per un effetto naturale è meglio utilizzare una piastra con ferri di almeno 2, 2.5 cm di diametro in modo che le onde risultino larghe e morbide evitando l’effetto anni ’90 del frisè.

Lo scorso sabato mi sono dunque cimentata con le Beach Waves utilizzando la mia piastra ad onde Babyliss Pro BAB2269TTE Tormaline Pulse (qui trovate la nostra recensione completa). E’ un’acconciatura che faccio spesso anche in inverno perché, oltre a ricordarmi l’estate, è facile e velocissima da fare, non è necessario infatti essere troppo precisi perché l’effetto finale è volutamente “selvaggio” quindi se qualche ciocca non viene benissimo, o sfugge alla morsa della piastra non è poi un gran problema ;)).

Ho attaccato la piastra alla corrente e impostato la temperatura più adatta per i miei capelli che sono sottili e piuttosto delicati, mentre la piastra si scaldava ho applicato in modo uniforme sulla chioma uno spray protettore (il mio è il Phyto Phytokeratine) contro il calore e ho diviso i capelli in ciocche di 3-4 cm.

La Babyliss Pro è un ottima piastra ad onde e sono decisamente soddisfatta dell’ acquisto: si scalda in fretta ed ha un buon range di temperature, mentre il rivestimento dei ferri in titanium-tormalina garantisce una buona distribuzione del calore. Mi piace anche il fatto che abbia le punte termo-isolate perché in questo modo è più facile maneggiarla e si evita il rischio di scottature in più ci sono in dotazione anche i guantini ed il tappetino per appoggiarla durante l’utilizzo! Il problema delle piastre ad onde, e la Babyliss Pro non fa eccezione, sono le dimensioni ed il peso consistenti che le rendono poco maneggevoli soprattutto nella parte posteriore della testa.

Partendo dalle ciocche più basse, ho posizionato la piastra a 4-5 cm dalla radice ( non volevo che le onde partissero troppo in alto dando troppo volume), chiuso la piastra e tenuta in posizione 15-20 secondi. Poi basta aprire la piastra e farla scorrere sulla porzione successiva della ciocca avendo cura di posizionare il ferro correttamente per creare un onda regolare. All’inizio può sembrare complicato, ma via assicuro che è davvero molto semplice e automatico! Una volta passata la piastra su tutte le ciocche le ho fissate con un po’ di lacca!

Purtroppo non ho foto del risultato finale, ma sono riuscita a fare una foto ai capelli il giorno dopo: le onde si sono un po’ lasciate andare, ma sono ancora belle e ben visibili, tenete conto che i capelli erano appena lavati e che avevo anche abbondato con il balsamo quindi la piega ha tenuto un pochino meno del solito!

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: